Life-CoachingNaturopatia

Disagi fisici provocati dall’ANSIA: conoscerli e curarli.

Si  definisce ansia generalizzata uno stato di preoccupazione e tensione non causato da qualcosa di specifico, ma rivolto un pò verso tutto: i familiari, la salute, il lavoro, le finanze, etc.

La persona che ne soffre tende ad isolarsi, a chiudersi in se stessa, ad evitare i luoghi pubblici ed ha difficoltà a parlarne con gli altri, per non essere giudicata o considerata mentalmente disturbata. In realtà, come vedremo, questa forma di ansia è uno squilibrio che, con la pratica giusta, può passare in breve tempo.

Per utilizzare una metafora potremmo definire l’ansia come il premere sull’acceleratore e contemporaneamente sulla frizione. Il motore spinge al massimo, si è su di giri, ma si sta fermi e intanto il tempo passa, gli impegni sembrano accumularsi senza riuscire a venirne a capo.

CAUSE PRINCIPALI DELL’ANSIA 

  • PAURA DELLA MORTE O MALATTIA
  • PAURA DEL GIUDIZIO, ANSIA DA SENSI DI COLPA
  • PAURA DEL FALLIMENTO, DI CIO’ CHE E’ NUOVO, DEL CAMBIAMENTO
  • PAURA DELLE OPPORTUNITA’, DI IMPEGNARSI, DI MIGLIORARE
  • ANSIA SOCIALE, CHE VIENE DALL’AMBIENTE ESTERNO

Appare chiaro come la paura in genere sia la maggiore fonte dello stato ansioso, che provoca un sentimento generale di infelicità e chiusura, come si è già detto, con conseguenze fortemente limitanti soprattutto nelle relazioni affettive e nella propria vita sociale, ma non solo, anche il corpo ne risente.

Riconoscere i disturbi fisici legati all’ansia

L’ansia provoca o aggrava una vasta serie di problemi fisici che necessitano di un’osservazione approfondita per essere riconosciuti come effetto di un malessere e motivo. Frequentemente, i primi sintomi, ad esempio, di un mal di stomaco legato ad uno stato di collera, spariscono immediatamente dopo che il soggetto si calma. Ma non tutti i conflitti sono così chiaramente riconoscibili ed auto-curabili con una semplice chiacchierata o con una camomilla, spesso i danni continuo stato ansioso non vengono riconosciuti se non quando si “oltrepassano i limiti” e sia i disturbi del comportamento che i dolori del corpo, sono ormai quasi quotidiani e non si riesce ad avere giorni sereni e senza disturbi alla schiena o mal di testa o di stomaco..

Conoscersi, ascoltarsi un pò di più aiuta a capire quando ci serve altro che un antidolorifico per stare finalmente bene! A questo punta infatti il Coaching, unito ai trattamenti naturopatici laddove necessario, al ritrovare equilibrio e benessere di mente e corpo, utilizzando e potenziando le nostre risorse interne che la maggior parte delle persone non conosce e non usa quanto potrebbe, soprattutto nei periodi difficili e nei momenti di stress.

Attenzione quindi a sottovalutare le conseguenze che ansia e tensione possono innescare nel corpo, utilizzare farmaci per alleviare i sintomi di un mal di schiena, per esempio, non è una scelta salutistica. Il vostro medico vi avviserà certamente degli effetti collaterali dovuti all’uso prolungato di antidolorifici, quindi vi consiglierà anche movimento ed una corretta alimentazione per evitare il sovrappeso.

Ma se il mal di schiena, per continuare con l’esempio, è dovuto a conflitti o tensione sul posto di lavoro, che si protraggono da mesi, non saranno gli antidolorifici a risolvere

Cure per lo stato ansioso – in breve

Nella nostra medicina l’ansia viene trattata farmacologicamente con ansiolitici e tranquillanti, talvolta ma non sempre,  sono questi farmaci abbinati a psicoterapie o terapie cognitivo-comportamentali.

La medicina cinese invece considera l’ansia come uno squilibrio di due particolari aspetti: il primo riguarda l’energia difensiva e nutritiva chiamata WEI QI che corrisponde, secondo la visione occidentale, al nostro sistema immunitario; il secondo squilibrio riguarda invece la tensione muscolare.

→ La WEI QI – energia difensiva – che normalmente viaggia in superficie durante il giorno per farci da scudo agli agenti patogeni (principalmente virus) e dagli agenti atmosferici (freddo, umidità, vento, calore) e rientra nel corpo durante la notte per rigenerare gli organi stressati durante il giorno.

In uno stato di apprensione e di tensione, la WEI QI rimane in superficie portando la persona a soffrire di insonnia ed ad accumulare stress.

Affinchè la WEI QI rientri nel corpo è necessario “tonificare il sangue”. Cosa significa in termini pratici? Che bisogna trattare i punti LUO della medicina cinese per 3 motivi:

  • sono punti di contatto tra interno ed esterno del corpo;
  • sono punti emozionali;
  • lavorano sul sangue.

Si trattano i punti LUO del fegato perchè è questo l’organo che scannerizza le emozioni: devo assicurarmi che il sangue circoli bene.

→ L’energia della tensione muscolare è l’altra componente che invece si tratta con i punti TING dei meridiani Tendino-Muscolari (TM).

Uno dei metodi più efficaci dunque per ritornare all’equilibrio e debellare lo stato ansioso è attraverso i trattamenti di medicina cinese che variano in funzione della causa che lo ha provocato.

Il Coaching e la Naturopatia per alleviare e risolvere l’ansia

Come già detto, la visione dell’insieme corpo-mente è la base di queste discipline, che si prestano in maniera eccellente proprio in casi di disturbi da ansia generalizzata o di stato di tensione, nervosismo e/o malinconia, dovuto ad una causa specifica, come un lutto o una separazione.

Quale che sia l’effetto sul corpo di chi ne soffre, il Coach individuerà la sorgente del dolore ed insieme al soggetto stabilità il percorso corretto per risolvere il conflitto o la paura interiore e prevenire futuri disturbi causati da quello stato emotivo.
In diversi casi le sessioni di coaching sono sufficienti a riprendere il controllo delle proprie emozioni, ma ci sono pure disagi fisici che necessitano anche di manipolazione locale, ovvero un trattamento naturopatico che stimoli quella parte del corpo a funzionare nel modo corretto, alleviando il dolore.

Le due pratiche unite sono la risposta più efficace ai problemi causati all’umore ed alla salute dagli stati d’ansia, che non vanno lasciati proseguire a lungo per evitare l’eventuale cronicizzazione di alcuni disagi fisici.

Se avete la sensazione di attraversare prolungati periodi in preda a stati ansiosi, potete contattarmi per avere chiarimenti ulteriori sull’argomento.

Salve, hai domande? Scrivimi pure!

Questo sito utilizza i cookie tecnici, per le statistiche e di terze parti. NON utilizza cookie di profilazione. Puoi avere i dettagli visitando l’informativa estesa sui cookie
Informativa estesa cookie
Informativa Privacy.